Servizio di attività motoria

Premessa

Le fasce più deboli della popolazione - over 65 - hanno spesso patologie croniche che, associate a una normale perdita di funzionalità, portano l’individuo ad una condizione di fragilità e poi di dipendenza. Per questo motivo diventa fondamentale mantenere il più possibile il grado di autosufficienza dell’individuo. L’attività motoria ha lo scopo di contrastare il declino funzionale e di innalzare i parametri di efficienza fisica strettamente correlati ad un buono stato di salute, aiutando ad evitare il decadimento delle funzioni fisiche.

La fragilità dell’anziano è dovuta ad una ridotta funzionalità del sistema neurologico, cardiovascolare e respiratorio legata all’invecchiamento, allo stile di vita e a malattie subite nel corso della vita. L’inattività può compromettere la forza muscolare, la flessibilità articolare, l’equilibrio e la velocità di reazione.

Attività

  • ginnastica dolce per il mantenimento delle capacità residue che prevede esercizi (da eseguire in gruppo o singolarmente) di rinforzo muscolare, allungamento muscolare e mantenimento dell’osteoarticolarità.
  • “Camminare insieme per stare bene”, si rivolge a pazienti affetti da diabete di tipo 2. Oltre a insegnare una corretta modalità di cammino, che utilizza non solo i muscoli delle gambe ma anche della braccia, ha anche un obiettivo di socializzazione: la camminata dolce può essere rivolta non solo alle persone diabetiche ma anche a tutte le persone affette da patologie artrosiche o artritiche. Di conseguenza può aderire al progetto qualunque anziano fragile.

Il programma comprende movimenti standard quali: rotazione del capo, flessione laterale del capo, movimenti chiave dell’articolazione della spalla; estensione del tronco, rotazione del busto ed allenamento dei muscoli addominali, estensione dell’articolazione dell’anca e del ginocchio.

A questi si associano esercizi complementari che sono:

  • esercizi di agilità ( movimenti insoliti con variazione del ritmo, uso di attrezzi, esercizi di destrezza per le mani e le dita)
  • esercizi di reazione (rispondere prontamente con un movimento a simboli noti o sconosciuti, udibili o visibili - colori –forme- suoni)
  • esercizi di concentrazione (portare a termine con gli occhi chiusi movimenti di precisione seguendo le indicazioni fornite)
  • esercizi di memoria (catene di movimenti formate da successioni predeterminate di esercizi )

Questi esercizi complementari devono essere intercalati a quelli fondamentali utilizzandoli a seconda dei casi e delle esigenze come momento di svago, di riposo o di divertimento.

Obiettivi

Un’appropriata attività fisica può aumentare la qualità di vita degli ospiti e ristabilire l’indipendenza in molte aree funzionali per prevenire il più a lungo possibile una condizione di disabilità. L’attività stimola anche il coordinamento dei movimenti, oltreché una maggiore consapevolezza del proprio corpo.

Tempi

L’attività motoria è programmata due volte alla settimana (in base all’affaticamento degli ospiti) e viene svolta nella saletta della CSA durante i mesi invernali (ottobre-marzo) nei quali non è possibile passeggiare all’esterno.

VEDI CALENDARIO ATTIVITA’